10 febbraio, giorno del ricordo. Mattarella: negare o minimizzare la tragedia delle foibe è un danno per la coscienza collettiva

Categorie: Articoli e interviste, NewsPubblicato il: 10/02/202411,8 min lettura
CONDIVIDI

Con una cerimonia alla quale hanno preso parte, oltre alle massime autorità dello Stato, anche studiosi e testimoni delle tragiche vicende che investirono il nostro confine orientale dopo la fine del secondo conflitto mondiale, si è celebrato al Quirinale il Giorno del Ricordo, ricorrenza istituita per il 10 febbraio di ogni anno dalla legge 30 marzo 2004 n. 92, per “conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati”.

La cerimonia è stata conclusa dall’intervento del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che ha sottolineato come in quelle terre si ritrovino “in una lugubre geografia dell’orrore” la risiera di San Sabba e la Foiba di Basovizza, “due simboli della catastrofe dei totalitarismi, del razzismo e del fanatismo ideologico e nazionalista”. Ha poi ricordato come per molto tempo sulle foibe e sulle sofferenze degli italiani in quell’area (“il nostro muro di Berlino”, lo ha definito) si fosse creato “un muro di silenzio e di oblio, un misto di imbarazzo, di opportunismo politico e talvolta di grave superficialità”.

Non possono essere invocati alibi, ha affermato il Presidente, per giustificare episodi che non possono essere derubricati ad atti di vendetta contro i fascisti occupanti: “le sparizioni nelle foibe o dopo l’internamento nei campi di prigionia, le uccisioni, le torture commesse contro gli italiani in quelle zone – ricorda Mattarella – colpirono funzionari e militari, sacerdoti, intellettuali, impiegati e semplici cittadini che non avevano nulla da spartire con la dittatura di Mussolini. E persino partigiani e antifascisti”.

Quella delle foibe è “una tragedia che non può essere dimenticata…i tentativi di oblio, di negazione o di minimizzare sono un affronto alle vittime e alle loro famiglie e un danno inestimabile per la coscienza collettiva di un popolo e di una nazione”.

Non è stato solo rievocativo l’intervento del Capo dello Stato, che ha invitato a fare della memoria e del ricordo gli anticorpi perché “simili lacerazioni crudeli nei confronti della libertà, del rispetto dei diritti umani, della convivenza appartengano a un passato irripetibile” e ha indicato la necessità di consolidare la costruzione dell’Unione Europea, definita come la più efficace espressione del “ripudio della barbarie provocata da tutti i totalitarismi del Novecento” e indicata come direzione in cui procedere per un futuro cui guardare con fiducia e speranza.

INTERVENTO DEL PRESIDENTE MATTARELLA

Concorso per la dirigenza scolastica, solo 25.000 le domande di partecipazione. Prospetto delle regioni scelte dai candidati
Cessazioni dal servizio, riapertura termini per novità riguardanti opzione donna, quota 103, Ape sociale. Incontro al Ministero

Condividi questo articolo!