“CISL Scuola, in prima persona, al plurale”, pronte le liste CISL Scuola per il voto che il 7 maggio rinnoverà il CSPI

Categorie: NewsPubblicato il: 12/03/20247,6 min lettura
CONDIVIDI

Sono pronte le liste della CISL Scuola per il voto che dovrà, il prossimo 7 maggio, rinnovare la componente elettiva del Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione (CSPI).

I nominativi delle candidate e dei candidati che concorreranno per tutti i profili professionali e per tutti i gradi di scuola saranno resi noti giovedì 7 marzo, dopo la riunione dell’Esecutivo Nazionale che darà il via ufficiale alle liste, prima di procedere alla loro presentazione formale, che potrà avvenire dal 2 al 5 aprile, come prevede l’ordinanza ministeriale 234 del 5 dicembre scorso, con la quale sono state indette le votazioni. Solo dopo il 5 aprile, pertanto, si potrà conoscere il numero assegnato alle varie liste, che le contraddistinguerà nelle schede insieme alla loro denominazione.

CISL Scuola, in prima persona, al plurale è il motto che, anche in questa occasione, caratterizzerà le nostre liste – osserva la segretaria generale Ivana Barbacci in linea con l’identità della nostra organizzazione e con la nostra idea di sindacato, di società e di scuola, nella quale partecipazione, condivisione, cooperazione e solidarietà sono sempre poste in primo piano”.

Sono in tutto ventisette le persone che si sono candidate nelle liste CISL Scuola per le votazioni che il 7 maggio si terranno in ogni scuola.  Tutte le liste contengono il numero massimo di candidature previsto per ciascuna delle componenti da rappresentare all’interno del CSPI.

Indicazioni più complete e approfondite sulla composizione del CSPI e sulle modalità di voto e di elezione sono contenute nell’Ordinanza Ministeriale 234; alle elezioni è dedicata una pagina apposita del nostro sito.

Posizioni economiche ATA e passaggio di profilo per facenti funzione di DSGA, 12 marzo ore 16.30 a "La Tecnica risponde"
Formazione volontaria incentivata, dal Ministero una proposta che si limita a ricalcare ciò che prevede la legge

Condividi questo articolo!