Incontro al Ministero su digitalizzazione contratti pubblici, azioni di rivalsa dell’INPS e contratti ATA per PNRR e Agenda Sud

Categorie: A.T.A., Dirigenti Scolastici, NewsPubblicato il: 26/01/202416,3 min lettura
CONDIVIDI

Si è svolto oggi, 25 gennaio, al Ministero dell’Istruzione e del merito l’incontro sulla digitalizzazione dei contratti pubblici, sollecitato dalla CISL Scuola con nota inviata il 17 gennaio scorso al Capo di Gabinetto e al Capo Dipartimento Risorse.
Tutte le Organizzazioni sindacali partecipanti hanno rappresentato le difficoltà che le istituzioni scolastiche stanno incontrando a seguito dell’introduzione delle nuove procedure, dovendosi fare i conti con i malfunzionamenti continui delle piattaforme e la lentezza a volte estenuante dei sistemi informatici.
La CISL Scuola e le altre organizzazioni hanno evidenziato con forza:

  • la necessità di semplificare in modo definitivo gli acquisti inferiori ai 5.000 euro;
  • l’opportunità di rendere operativa la facoltà di delega del dirigente scolastico (prevista nella normativa) nell’acquisizione del Cig;
  • la necessità di trovare soluzioni per la qualificazione delle stazioni appaltanti, particolarmente per la realizzazione dei viaggi di istruzione e per le concessioni relative ai servizi di bar interno all’istituto e per i distributori di alimenti;
  • l’urgenza di formare il personale e di aggiornare i Quaderni operativi, utili strumenti a suo tempo messi a disposizione dal Miur per le procedure negoziali.

Hanno chiesto inoltre un deciso potenziamento delle risposte ai quesiti degli istituti scolastici attraverso le faq e il servizio di sportello.
L’Amministrazione, attraverso il Capo Dipartimento dott. Jacopo Greco, ha assicurato la massima attenzione alle segnalazioni delle scuole e ha anticipato che la prossima settimana vi saranno incontri con Anac e Consip per trovare soluzioni alle criticità evidenziale e per avanzare al riguardo proposte concrete e immediatamente praticabili. A questi incontri seguirà un’ulteriore convocazione delle Organizzazioni sindacali.
Nello specifico, il dott. Greco ha sottolineato che la qualificazione delle stazioni appaltanti costituisce un punto estremamente delicato, considerato che in alcuni casi neppure gli USR posseggono le caratteristiche necessarie. Tutto ciò ha un impatto notevole sulla realizzazione dei viaggi di istruzione e sul relativo mercato di riferimento, tanto che il Ministero dell’Istruzione ha aperto un tavolo di confronto anche con il Ministero del Turismo. Altrettanto rilevante è la questione delle concessioni di servizi, perché in questo caso è necessario ricorrere a una stazione appaltante qualificata anche se l’importo è sottosoglia. L’Amministrazione ha informato di aver inviato un quesito all’Anac, prospettando di limitare, per le concessioni, il ricorso alle stazioni appaltanti qualificate solo per importi superiori ai 140.000 euro. Si stanno cercando soluzioni di semplificazione definitiva, con Mepa e Consip, anche per gli acquisti inferiori a 5.000 euro.
In riferimento alla possibilità di delega da parte del dirigente scolastico degli adempimenti per l’acquisizione del Cig, Acquisti in rete distingue Punto ordinante, Punto istruttore e Responsabile unico di progetto. Su questa ultima figura si concentra l’attenzione per rendere operative eventuali deleghe del dirigente.
Nei prossimi giorni il Ministero invierà alle istituzioni scolastiche una nota di chiarimento sulle nuove procedure. Successivamente saranno aggiornati i Quaderni operativi, anche con format per i vari adempimenti.
In coda alla riunione la CISL Scuola ha ricordato di aver chiesto un incontro per affrontare le numerose richieste di recupero degli interessi di rivalsa da parte dell’INPS. L’Amministrazione ha confermato che a breve sarà affrontato questo tema e ha comunicato anche di aver messo a punto alcune proposte legislative per risolvere le questioni relative ai contratti Ata per Agenda Sud e PNRR.

Le novità di maggior rilievo nel CCNL 2019/21 sono il tema di "La Tecnica risponde" del 23 gennaio
Ridurre o negare le colpe personali e collettive è il torto peggiore fatto alle vittime. Il presidente Mattarella per il Giorno della Memoria

Condividi questo articolo!