Organico personale ATA per il 2024/25, inviata la circolare agli uffici scolastici regionali. Confermate le attuali dotazioni

Categorie: A.T.A., Legislazione, NewsPubblicato il: 03/05/202410,6 min lettura
CONDIVIDI

Con la C.M. n. 62927 del 3 maggio 2024, cui è allegata la bozza di Decreto Interministeriale (con relative tabelle) in fase di emanazione, il Ministero dell’istruzione e del merito detta agli Uffici Scolastici Regionali le disposizioni relative a criteri e parametri per la determinazione degli organici del personale ATA per l’a.s. 2024/25.

Risultano sostanzialmente confermate le dotazioni organiche nazionali e regionali nella loro attuale consistenza, con la sola riduzione di 18 posti di assistente amministrativo, occupati da personale ex co. co. co. assunto in via straordinaria con la legge 145/2018 e oggi collocato a riposo.

Nelle tabelle non viene ricompreso l’organico dei DSGA (ora inquadrati nell’area di funzionari e elevate qualificazioni) in quanto il numero dei posti per lo stesso profilo è determinato, insieme a quello dei Dirigenti scolastici, dal D.I. 127/2023 relativo al dimensionamento scolastico. Si ricorda che nelle Regioni in cui non è stato attuato il dimensionamento previsto dal citato decreto, ma si è utilizzata la flessibilità del 2,5% prevista dal decreto milleproroghe, dev’essere accantonato un numero di posti di Dsga pari a quello delle scuole rimaste autonome per effetto di tale possibilità di deroga, posti su cui non saranno possibili assunzioni e che dovranno essere affidati in reggenza.

Il nuovo profilo degli operatori scolastici verrà attivato a partire dall’a.s. 2025/26, in occasione della revisione triennale delle dotazioni organiche.

La ripartizione regionale è stata effettuata, come nei precedenti anni scolastici, con riferimento ai dati della popolazione scolastica, del dimensionamento della rete scolastica e tenendo conto della presenza di alunni con disabilità iscritti nelle istituzioni scolastiche statali.

Permane l’accantonamento di una quota di posti pari al 3% della dotazione organica provinciale per assicurare e salvaguardare le esigenze di funzionamento delle scuole, con particolare riferimento a quelle del primo ciclo o comunque caratterizzate da situazioni di particolare complessità. Viene confermata la disposizione prevista dal comma 81 dell’art.4 della L.183/2011 che prevede, negli istituti di scuola secondaria di II grado ove sono presenti ITP in esubero, l’accantonamento di un pari numero di posti di assistente tecnico.

Sui contratti del personale ATA per progetti PNRR e Agenda Sud nota di chiarimento del Ministero
La nostra Europa. Ciclo di tre incontri on line con Paolo Acanfora (Università La Sapienza) su istituzioni europee oggi e in prospettiva

Condividi questo articolo!