Ecco come saranno le schede per le votazioni che il 7 maggio rinnoveranno la componente elettiva del CSPI

Categorie: A.T.A., Dirigenti Scolastici, Docenti, NewsPubblicato il: 07/05/20247,9 min lettura
CONDIVIDI

La Commissione Elettorale Centrale che sovrintende all’organizzazione delle operazioni di voto del 7 maggio prossimo, quando in tutte le scuole (e nelle sedi indicate dagli USR per i dirigenti scolastici) si procederà, dalle 8 alle 17, alle votazioni per il rinnovo del CSPI (Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione), ha reso noto il formato delle schede che saranno utilizzate per le votazioni.

Ricordiamo che si vota separatamente per ciascuna delle componenti di cui si devono eleggere i rappresentanti, il cui numero è riportato nell’Ordinanza Ministeriale 234 del 5.12.2023 (1 docente di scuola dell’infanzia, 4 docenti di scuola primaria, 4 docenti della secondaria di I grado, 3 docenti della secondaria di II grado, 2 dirigenti scolastici, 1 personale ATA, 1 rappresentante ciascuno per le scuole di lingua slovena, di lingua tedesca e della Valle d’Aosta).

Le schede, predisposte in diverso formato (A4 o A3) a seconda del numero di liste concorrenti, contengono:

  • l’ elenco delle liste, contraddistinte da un numero romano e dal motto
  • lo spazio per indicare eventuali preferenze, con tante righe quante sono le preferenze esprimibili (il numero massimo è riportato anche in calce alla scheda).

Per votare, occorre tracciare un segno nello spazio indicante la lista prescelta. Non si può votare una lista e indicare candidati di una lista diversa da quella votata.

Per maggiori particolari, vedere l’articolo 33 dell’OM 234/2023.

In allegato i modelli di scheda che saranno utilizzati, nei quali è messa in evidenza la collocazione delle liste CISL Scuola: in prima persona al plurale.

SCHEDA DOCENTI INFANZIA

SCHEDA DOCENTI PRIMARIA

SCHEDA DOCENTI SECONDARIA I GRADO

SCHEDA DOCENTI SECONDARIA II GRADO

SCHEDA DIRIGENTI SCOLASTICI

SCHEDA PERSONALE ATA

SCHEDA SCUOLE LINGUA SLOVENA

SCHEDA SCUOLE VALLE D’AOSTA

La nostra Europa. Ciclo di tre incontri on line con Paolo Acanfora (Università La Sapienza) su istituzioni europee oggi e in prospettiva
Indicazioni nazionali, maneggiare con cura. In gioco un bene comune che appartiene all’intero Paese.

Condividi questo articolo!