Pubblicati i decreti sui percorsi universitari per il conseguimento dell’abilitazione all’insegnamento nella scuola secondaria di I e II grado

Categorie: Docenti, Formazione, NewsPubblicato il: 24/04/20249 min lettura
CONDIVIDI

Il ministero dell’Università e ricerca ha autorizzato, col dm 621 del 22.4.2024, l’avvio dei percorsi di formazione iniziale e abilitazione all’insegnamento nelle classi di concorso della scuola secondaria di I e II grado per l’a.s.2023/24.
L’allegato A al decreto contiene la ripartizione dei posti autorizzati fra le diverse Università.
Nell’allegato B sono indicati i criteri per definire l’ordine di accesso ai percorsi ordinari di 60 CFU in caso di eccedenza di domande.

Col DM 620 del 22.4.2024 è invece determinata nel 45%, come fortemente richiesto dalla CISL Scuola a fronte di una possibile riduzione ventilata in sede di informativa dal MUR, la quota di riserva destinata a chi ha svolto negli ultimi 5 anni 3 anni di servizio nelle scuole statali o paritarie con almeno un anno di servizio specifico sulla classe di concorso per la quale intende abilitarsi, ovvero abbia partecipato alla prova concorsuale di cui all’art. 59, comma 9bis, del DL 73/2021. Nell’ambito della quota del 45%, il 5% di posti è riservato a coloro che abbiano svolto tre anni di insegnamento nei percorsi di istruzione e formazione professionale.
La tabella A allegata al decreto riporta i titoli valutabili per graduare le domande di partecipazione qualora siano in eccesso rispetto ai posti disponibili.

Gli aspiranti possono presentare domanda di partecipazione per i percorsi relativi alla medesima classe di concorso in una sola istituzione.

I percorsi possono essere svolti in modalità telematica, comunque sincrona, fino ad un massimo del 50%, escluse le attività di tirocinio.

Per accedere alle prove finali è richiesta la partecipazione almeno al 70% di ogni attività formativa.

Per l’a.s 2023/24 è consentita la frequenza contemporanea dei percorsi di abilitazione e dell’ VIII ciclo TFA.

Graduatorie ATA 24 mesi, i bandi regionali entro il 9 maggio. Dal 10 al 30 maggio invio delle domande
"I tanti perché di un disagio diffuso, alcuni possibili rimedi". Un sondaggio della CISL Scuola fra i dirigenti sulla gestione dei progetti PNRR

Condividi questo articolo!